Suggerimento per non essere truffati a poker

Chissà quante volte, perdendo una mano di poker, abbiamo detto:  “qui gatta ci cova”

Si sentono molte leggende metropolitane di giocatori di poker online che vincono grazie a mezzi poco leciti. Purtroppo è quello che è successo su Ultimate Bet…

Ecco perchè vi suggerisco di giocare solo su poker rooms con concessione dei monopoli di stato. Il mio sito referito per giocare a poker è Totosì, probabilmente la sala da poker italiana con più giocatori, ricchi montepremi e un palinsesto che prevede un torneo freeroll circa ogni ora.

monopoli di stato.jpg

Riporto un post comparso sul forum giocodigitale.palermoo.it (www.italianpokerplayer.com) in cui si racconta come alcuni giocatori di UltimateBET con permessi di superutenti riuscissero a vincere tutti i tornei.

“C’era nientemeno che Russ Hamilton, celebre campione di poker, dietro una vasta truffa condotta su siti di poker online. Truccando il software, per Hamilton e i suoi complici era possibile spiare le carte degli avversari nei tornei. Le indagini vanno avanti dal 2007 ma oggi le prime rivelazioni dall’inchiesta: a capo della banda di truffatori ci sarebbe stato appunto il campione.

Stando alla Kahnawake Gaming Commission, nome molto noto nel mondo del poker per aver vinto un importante torneo mondiale nel ’94, rischia moltissimo e con lui i suoi complici. Le decisioni si prospettano durissime: UltimateBet dovrà entro il 3 novembre rimborsare 7,6 milioni di dollari ai giocatori truffati, nonché allontanare ogni dipendente non indicato come idoneo dalla Commissione. Inoltre il sistema sarà riconfigurato in modo da evitare altri episodi del genere e saranno registrati e salvati tutti i log delle sessioni di gioco. Pena per l’inadempimento: la revoca della licenza.

E’ bastato osservare e raccogliere alcuni dati per capire che di imbroglio si trattava. Un anno fa il tutto è iniziato tracciando gli strani movimenti notati da alcuni appassionati su Absolute Poker, sito gemello ad UltimateBet, relativi agli account di certi giocatori, in grado di vincere cento volte più velocemente di ogni altro giocatore. Grazie a queste rivelazioni è stata fatta in seguito un’inchiesta all’interno dell’azienda ed è emerso che alcuni dipendenti truffavano da circa tre anni i clienti, sfruttando appunto un bug del software che consentiva di spiare le carte degli avversari.”

FORUM POKER e SCOMMESSE

Suggerimento per non essere truffati a pokerultima modifica: 2009-09-15T09:25:00+02:00da proengineer
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento