Gratis Poker



Registrati Gratis e Scopri la Programmazione settimanale dei Freeroll di Gioco Digitale

Oggi vi segnalo l’incredibile offerta di GD Poker di Gioco Digitale he, in occasione del primo versamento, scegliendo il Pacchetto Poker, offre un bonus poker pari al 50% della cifra versata sul conto gioco fino a un massimo di 200€ di bonus poker per versamenti pari o superiori a 400€. E in più subito 5€ per provare gratis il brivido delle Scommesse sportive.

Durante la registrazione e/o deposito, è richiesto di nserire il codice promozione il quale cambia almeno una volta al mese e consente di usufruire del bonus in denaro attiva. Il mio suggerimento è quello di utilizzare il codice promozione aggiornato reperiibile nelle stesse pagine del sito web di Gioco Digitale che troverete al segiente link:

amarilloslimpreston_wsop_ev41_day1-150x150.jpg

Con GD Poker di Gioco Digitale giochi gratis e vinci sul serio!

I vincitori dei tornei programmati offerti dal palinsesto GD Poker di Gioco Digitale vinceranno oltre 16.000 euro di bonus alla settimana spendibili su Lottomatica.it. I bonus saranno accreditati nelle 48 ore successive alla chiusura del Torneo.

Thomas Austin Preston (Johnson,Arkansas 31 dicembre 1928)
Soprannome: “Amarillo Slim”
Vincite in torneo : 637.000 $
Braccialetti WSOP: 4
Frasi famose: Se non riesci a capire chi è il pollo nella pirma mezz’ora di gioco, allora il pollo sei tu”

Quando si pensa al poker e ai cappelli da cowboy, i due nomi che vengono subito alla mente sono Doyle Brunson e Amarillo Slim. Quest’ultimo non ha avuto lo stesso successo al tavolo del collega, ma può far parte di diritto nell’elite delle leggende del poker.

Thomas Austin Preston nasce l’ultimo giorno dell’anno 1928 a Johnson in Arkansas, negli Stati Uniti. Dopo il divorzio dei genitori, si trasferisce con il padre ad Amarillo, in Texas, dove si diploma ed entra nell’esercito per un paio d’ anni.

Dopo questa esperienza si dedica alla sua vera passione, il gioco. Conosce Doyle Brunson e Brian Roberts e insieme cominciano a scambiarsi pareri sul poker e sulle scommesse, imparando l’uno dall’altro. Sono gli anni ‘50 e il “trio del poker” comincia a girare tutti gli Stati Uniti alla ricerca di partite e soldi facili. Nel libro “Super System 2”, Amarillo Slim scrive: “Scommettevamo su ogni cosa possibile: golf, tennis, basket, biliardo… Se pensavamo di avere un margine di vantaggio, lo sfruttavamo fino in fondo, e facemmo un sacco di soldi.”

Amarillo Slim dopo qualche tempo e un bel gruzzolo accumulato, decide di sposarsi e prendersi una pausa dalla vita on the road, ma con la nascita dei campionati del mondo di Las Vegas, la passione torna prepotente in lui. E’ il 1972 quando vince il main event della terza edizione delle World Series of Poker. Diventa una star e partecipa ai più importanti show televisivi degli Stati Uniti. Interpreta anche la parte di se stesso nel film “California Poker” del 1974.
E’ uno dei più grandi “gambler” in circolazione. Più che dedicarsi assiduamente al poker, scommette su ogni cosa possibile. La leggenda dice che abbia vinto un milione di dollari, scommettendo di giocare a golf con un martello e tirare la pallina a un miglio di distanza. Pare ci riuscì, sfruttando la superfice di un lago ghiacciato che fece scivolare la palla verso il milione di dollari.

Amarillo Slim, nonostante la fama, non è mai riuscito a diventare un mito contemporaneo del poker come il suo amico Doyle Brunson. Non ha saputo tenersi al passo coi tempi, scomparendo dalla scena pokeristica internazionale e non ottenendo risultai importanti.

E’ stato invece coinvolto in brutte vicende, che hanno intaccato la sua immagine.
Nel 2003 è accusato di molestie verso una minore e recentemente è stato picchiato e derubato nella sua stessa città, per questioni legate a dei prestiti.

Di sicuro la vita di Amarillo Slim non è un modello da imitare, ma è stata senz’altro pittoresca. E’ in preparazione un film che avrà come protagonista Nicholas Cage nei suoi panni, diretto da Milos Forman. Il film è tratto dal libro autobiografico “Amarillo Slim in a World Full of Fat People.”